Estate, quanto bere, cosa bere

BERE ACQUA CALDAE' meglio bere acqua calda o fredda? Vantaggi e consigli utili

Sappiamo tutti quando sia importante idratarsi soprattutto nella stagione calda, per questo ricordiamoci di bere regolarmente e di frequente.

COSA BERE?
Oltre l’acqua, vi sono tante bevande ed accorgimenti utili per idratarsi in estate come i succhi di frutta, con moderazione per via degli zuccheri aggiunti, preferiamo sicuramente centrifugati, frullati o limonate fatte da sè, il tè sia caldo che freddo e le zuppe fredde.
Gli accorgimenti maggiori devono essere riservati durante lo sport o le attività fisiche impegnative, durante le quali occorre adeguare la quantità di liquidi introdotti nel corpo: occorre bere da due a quattro bicchieri di liquidi all’ora per reintegrare l’idratazione persa.
Stesso discorso se siamo al caldo o sotto il sole per un periodo prolungato.
No all’abbinamento alcool e calore, per cui cerchiamo di evitare bevande alcooliche durante la stagione estiva, è consentito solo mezzo bicchiere di vino durante i pasti; è meglio lasciar perdere aperitivi e drink in genere che contengano alcool, così come le bibite estremamente dolcificate o addizionate di caffeina come molti integratori.
Occhio anche alle bevande troppo fredde che potrebbero provocare fenomeni di vasocostrizione che causano disagio e malessere; il ghiaccio dovrebbe essere evitato, nei luoghi pubblici per ragioni di igiene, non essendo perfettamente a conoscenza della provenienza dell’acqua utilizzata, e poi poichè potrebbe influire sul corretto funzionamento del nostro intestino che sarebbe a rischio di crampi o diarrea.

QUANDO BERE?
E’ importante bere periodicamente, anche poco e sicuramente ogni qualvolta avvertiamo lo stimolo della sete. Monitoriamo sempre il colore dell’urina che se comincia a diventare più scuro, indica un processo di disidratazione; i bambini e gli anziani, più fragili ed esposti al rischio di disidratazione, devono essere indotti a bere frequentemente pur non avendo lo stimolo della sete.
Favoriamo il giusto apporto di liquidi anche attraverso l’alimentazione che deve essere riparametrata soprattutto in base alla stagione: diminuire il sale da cucina nelle nostre pietanze ci aiuterà a ritrovare il giusto equilibrio idrico, poichè il sale assorbe l’acqua nel nostro corpo incrementando gonfiori e inducendo alla disidratazione.
Il sodio normalmente contenuto nella nostra dieta sarà più che sufficiente a svolgere le attività normali.
Ricordiamoci sempre che a prescindere dalla stagione che si affronta, bere molto è importantissimo per il proprio benessere e la propria salute.
Aumentare l’assunzione di liquidi è una strategia antimicrobica efficace ed economica; raggiungere 1,5 litri al giorno non è un’impresa impossibile, ma riesce a prevenire tutta una serie di fastidi e patologie talvolta croniche legati alla disidratazione come ad esempio la cistite ripetuta.