Latest

Smettere di russare

Circa il 25 % degli adulti russa abitualmente mentre la percentuale sale al 45 % nei
casi in cui il disturbo si manifesta sporadicamente.
Oltre a compromettere la qualità del sonno, il russare con qualcuno al proprio fianco
arreca danno anche al compagno di letto che chiaramente è disturbato dal rumore
fastidioso.
Per fortuna si può arrivare a smettere di russare grazie al cambiamento di alcune
abitudini quotidiane, partendo dalle più banali. Vediamo nel dettaglio alcuni consigli
semplici, ma utilissimi:

  1. Mangiare sano, privilegiando frutta e verdura e bere almeno 2 litri di acqua al
    giorno per eliminare le tossine.
  2. Cena leggera non troppo ravvicinata all’orario in cui si va a dormire.
  3. Attività fisica costante per mantenere un peso forma adeguato ed una
    respirazione migliore.
  4. Niente fumo, ma questo ovviamente è un consiglio valido a prescindere.
    La causa del russamento deriva dalla conformazione delle vie aeree che in taluni casi
    fisiologici può essere di ostacolo nel lasciar fluire liberamente l’aria facendo vibrare i
    tessuti (piuttosto rumorosamente!).
    Altri ostacoli al normale passaggio possono essere alcuni polipi nasali, la
    conformazione della lingua o della mandibola, l’aumento di volume della mucosa e
    la deviazione del setto nasale.
    Per ovviare a tutto questo sono disponibili in commercio, oltre ai classici cerotti
    nasali un po’ obsoleti, anche dei dilatatori nasali in silicone o degli apparecchi
    dentali predisposti per questo problema, passando per inquietanti braccialetti
    provvisti di un sensore acustico che al minimo russamento rilasciano una leggera
    scarica elettrica.
    Siamo del parere che qualora non vi sia un disturbo del sonno tale che debba essere
    consultato uno specialista, la strada da percorrere debba essere quella della
    prevenzione e del cambiamento del proprio stile di vita che gioca un ruolo
    importantissimo in ogni frangente.
    Prenderemo senz’altro in considerazione tutti quei rimedi naturali che possono
    essere d’aiuto per una corretta e sana respirazione: innanzitutto prima di coricarsi è
    utilissimo preparare un suffumigio con oli essenziali e bicarbonato per liberare le vie
    respiratorie da batteri che causano raffreddori ed allergie; per questa ragione
    soprattutto la camera da letto deve risultare il più possibile priva di polvere e con
    meno tendaggi e tappeti per evitare l’accumulo della stessa, non sempre visibile.

Un altro alleato del buon sonno sono gli olii essenziali, pino, menta, ginepro ed
eucalipto da mettere negli umidificatori affinchè rilascino durante la notte vapori
balsamici che agevolano la corretta respirazione.
Possiamo anche fare uso di spray con ingredienti di origine vegetale che lubrificando
la gola ed i tessuti molli del cavo orale contengono la vibrazione che è causa del
russamento. Infine un bell’infuso di salvia o ortica potrà regalarci un sonno sereno.