Cause alito pesante

Tutti sperano e fanno di tutto per avere sempre un alito fresco e profumato. Il modo migliore per raggiungere questo risultato è di lavarsi spesso i denti passando poi il filo interdentale ma nonostante ciò a volte capita che quando parliamo con qualcuno abbiamo l’impressione che il nostro alito dia fastidio.

L’alito cattivo è generato quasi sempre da una bocca secca in cui non c’è abbastanza saliva e nella quale i batteri riescono a proliferare indisturbati. Ecco perchè l’alito peggiore lo si avverte al mattino appena svegli.

Molte persone però hanno questo problema anche durante il giorno. La colpa può essere attribuita ai farmaci che stiamo assumendo: gli antidepressivi, gli antistaminici, quelli per l’ipertensione spesso provocano questo effetto collaterale. Cercate in questo caso di masticare una gomma o, in accordo con il medico, di cambiare farmaco.

Alcune volte un alito cattivo può segnalare un problema di salute; a seconda del tipo di alito si possono avere indicazioni diverse.
Un alto che puzza di naftalina potrebbe segnalare la presenza di allergie, di gocciolamento nasale eccessivo, di sinusite. In quest’ultimo caso infatti i batteri sono capaci di convertire le proteine in un composto chiamato scatolo.

Se il vostro alito ricorda la frutta potreste soffrire di diabete. Lo zucchero nel sangue in quantità eccessive potrebbe produrre la comparsa di chetoni che rendono il respiro fruttato. Se l’alito ricorda il latte acido potreste essere intolleranti al lattosio e quindi non in grado di abbattere le proteine del latte. Sintomi correlati potrebbero essere la diarrea, i crampi, l’aria nello stomaco.

Capita a volte che l’alito possa ricordare un pannolino da bimbo sporco. In questo caso la colpa potrebbe essere delle vostre tonsille. Molte volte avere un alito davvero cattivo che ricorda vagamente qualcosa che sta andando in decomposizione potrebbe segnalare una malattia polmonare.